Menu

San Cipriano, le sue preghiere e orazioni

6th agosto 2017 - magia
San Cipriano, le sue preghiere e orazioni

675463

Veniamo subito al dunque: “l’Orazione di San Cipriano è una preghiera che, a quanto dice la tradizione, farebbe ritornare l’amore perduto”.
Quindi ci troviamo di fronte ad una preghiera molto potente legata ad un Santo che gode di una certa popolarità nei paesi latini . Questa è un’orazione che richiede estrema fede e convinzione.
Ma San Cipriano non solo è famoso per questa preghiera ma anche per un’altra orazione, atta a debellare il malocchio.
Ma vediamo chi era San Cipriano. Questi viene spesso confuso con il suo omonimo Santo, che fu vescovo della città di Cartagine, al contrario il “nostro” San Cipriano fu vescovo e successivamente martire di Antiochia. Inoltre prima di divenire il Santo che molte di noi conoscono, fu uno dei maghi più acclamati dell’epoca.
Nato proprio in Antiochia, conosciuta come una delle più grandi metropoli del mondo antico, San Cipriano esercitò fin dalla giovinezza le arti magiche, probabilmente aiutato dalla grande ricchezza del padre. Mago illustre, scrisse diversi libri di magia che furono successivamente apprezzati da i più. Data la sua enorme potenza esoterica, si pensava che riuscisse perfino a comunicare con il Demonio e ammansire gli spiriti infernali, tanto da poterli comandare a sua piacimento.
Continuò il suo percorso pagano fino al trentesimo anno d’età, quando decise di convertirsi al cristianesimo.
Dopo aver passato l’intera vita a combattere il male, San Cipriano morì per decapitazione nella seconda metà del 300 d.c., diventando successivamente Santo martire.
Molto conosciuto per la preghiera di san cipriano, nel corso della sua vita, ideò un’orazione per eliminare il malocchio. La preghiera, benché chiamata “di San Cipriano”, non viene rivolta a lui, ma direttamente a Dio.
Questo rito, che secondo la tradizione, deve essere recitato in completa solitudine per sette giorni consecutivi in un orario ben preciso, va ripetuto in una stanza totalmente buia, illuminata soltanto dalla flebile luce di una candela, ricordandosi di fare il segno della croce ben 3 volte prima di cominciare, bagnandosi con dell’acqua santa.
Inoltre durante per l’intera settimana viene richiesta la purezza, evitando quindi di ingerire carne e alcolici e astenendosi da qualunque attività sessuale.